Anche molti cavalieri – come Roberto Arioldi, Filippo Moyersoen, Gianni Govoni, Franke Slootak – e veterinari – tra i quali Milo Luxardo, Andrea Miliani , Sergio Orsi, Duccio Pellegrini , Massimo Bedetti, Ugo Carozzo e molti altri – l’hanno incoraggiata ed hanno accettato la sua collaborazione, invogliandola a perseguire una strada che ha dato, e continua a dare, ottimi risultati. Il Metodo Equiter ® , nel corso degli anni, è stato applicato per la cura di cavalli “famosi”; primo fra tutti, e caso davvero eclatante, il diciassettenne Dugano, uno dei cavalli di punta di Filippo Moyersoen, che presentò gravi segni di affaticamento e carenza di prestazione durante il Challange di San Patrignano nel 1997 e che stava quasi per convincere il suo cavaliere a ritirarlo dalle competizioni.

Dopo due soli trattamenti il cavallo riprese appieno la forma e andò sul podio; inoltre, sono stati trattati con il Metodo Equiter ® i cavalli della squadra nazionale di volteggio durante i Mondiali. Un altro esempio è rappresentato dal caso di Friso il cavallo di Guido Dominici, 11° classificato e miglior piazzamento italiano in concorso ippico ai Weg ’98,e non si può dimenticare la fantastica Las Vegas di Gianni Govoni e molti altri cavalieri di rilievo internazionale come Nina Fagestrom eJerry Smith ad esempio,hanno apprezzato la professionalità di Eliana Speziale,riscontrando cambiamenti sostanziali nella prestazione agonistica del loro cavallo.

Il Metodo Equiter ® è stato applicato, con ottimi risultati, in tutte le discipline equestri, non solo nel salto ostacoli ma anche dressage, completo ed attacchi. Per quanto riguarda l’ambito del “trotto” in molti hanno avuto modo di avvalersi del Metodo Equiter ®, ne sono un esempio: Marino Lovera, Fabio Menegatti, Gaetano Carro, Battista Congiu, Joseffa Pastorelli, Giovanni Rubino e altri; per quanto riguarda il “galoppo”, invece: Maurizio Sona e Joseffa Pastorelli, Mill Borromeo vincitore poi del Derby 2005 a Pisa con il cavallo De Sica, Frank Sheridan vincitore di importanti corse di gruppo 1 e gruppo 3 con i cavalli Baila Salsa e Crucial e Icelandic.

E non bisogna dimenticare la collaborazione con Francesca Turri , che affidò al Metodo Equiter ® la soluzione di gravissime problematiche neurologiche di alcuni puledri purosangue, che non riuscivano più neanche a camminare normalmente e la cui unica alternativa era di essere soppressi; sono tutti tornati in pista ed anche molto competitivi, regalando ottimi risultati alla loro allenatrice. E non è possibile non citare la scuderia Botti che, sia in Italia che in Francia, si è avvalsa dell’esperienza di Equiter. Anche nel settore della Monta Western sono stati in molti a richiedere l’intervento di Eliana Speziale per i propri cavalli, ad esempio: Sibyl von der Schulenburg, Francesca Fasani, Pierre Ouellet, i Fano’s , l’Ongaresca e tanti altri ancora. Dei molteplici impegni di Eliana Speziale fa parte anche la partecipazione all’organizzazione di concorsi ippici internazionali, come il Challenge di San Patrignano.